Cosa significa Felicità a basso consumo?

in italiano Hello, this is a Website where you can read something about a special ways to move your car with low energy... Cosa significa
"Felicità a basso consumo"?

Di cosa
si tratta?

Rikscha,
risciò & Co.

Essere autisti
di risciò oggi
Come si prende
un risciò-taxi
SCRIVI UN MESSAGGIO


Diario di Viaggio:
IN RISCIÒ DA BOLOGNA fin nell'APPENNINO TOSCO EMILIANO-ottobre 2012

Usare il risciò come pratico mezzo di trasporto è possibile.
E nemmeno poi così bizzarro come sembra! --->>>

IN RISCIÒ
-Da MÜNCHEN a GENOVA
-Da GENOVA a ROMA
-Da ROMA a CITTANOVA
-A FIRENZE
-Da CITTANOVA a S.GIOVANNI ROTONDO
-Da S.GIOVANNI ROTONDO a BOLOGNA

Indirizzi utili


Pizzeria Calcutta


Il Blog del Contadino Moderno


Autosostentamento in Calabria...BUKOLIKA

agenzia online gratuita di passaggi
Viaggiare a passaggi senza pollice, con minor spesa e maggior divertimento


Già sentito parlare di DECRESCITA FELICE?


Il giornalista Barnard fornisce e collega fra loro informazioni insolite e sconvolgenti.


"ELOGIO DELLA BICICLETTA"
: scaricalo-


Bicicletta e Poesia


In nave: abitarci mentre si viaggia tra continenti


Videos


La vera storia dei nostri rifiuti



L'INSOSTENIBILITÁ DELLA CRESCITA ECONOMICA

Video Meat the truth (versione breve)
video interessantissimo sugli effetti planetari della domanda eccessiva di carne



FORUMS & BLOGS

energia metabolica
blog-ciclosophia
Blog trasteverino
blog-Sulla felicitá
Il tassinaro de Roma

Seguici su

EX-PO 2015 - Tour di Nozze - Fundraising :
da Parma a Genova.

CHI? COSA? DOVE? QUANDO? COME? MA...PERCHÈ?

Dati tecnici del veicolo
Dati fisiologici
"Che ci azzecca la pasta con i kilometri?"
"Belìn, ma quante palanghe ti t'è custòu 'sto viaggio?"
FAQ!
Sconsigli per gli acquisti
Ciclofficine valide d'italia

Ed ecco che il risciò-taxi di FELICITA A BASSO CONSUMO è nuovamente in tour per le strade del paese! Sempre con il solito conducente, me medesimo, ormai un veterano del mestiere - esercito da 11 anni e ne ho 35 - ed in via eccezionale con una passeggera che per me rappresenta un dolce peso... ed è infatti da alcuni giorni legalmente la mia dolce metà.

just married

Riassumendo: io e Becky dopo una frequentazione di diversi anni a Cittanova, la città calabrese in cui siamo entrambi immigrati dalla Germania, ci siamo decisi infine a rendere partecipe lo stato italiano della nostra unione, e quale modo migliore di festeggiare l'evento se non con un transfer primaverile attraverso la Pianura Padana occidentale, a bordo di un veicolo a pedali libero da ogni motore che non sia il cuore, immersi nel ridente paesaggio padano e su e giu per le estenuanti pendici appenniniche?

CHI? Sia io, R.Marvaso, che la mia consorte, R.Pannell siamo artisti. In tutto quello che facciamo cerchiamo di vedere le cose in modo nuovo, scomporre e ricomporre la realtà, portare gli oggetti ai limiti per capirli, dialogare in modi anche non verbali con quello che sta di fronte, intorno o dentro di noi. Questo tour non fa eccezione...

COSA? Questo tour si chiama EX-PO 2015, che in latino maccheronico significa che ci apprestiamo ad allontanarci dal Po, il grande fiume che da il nome alla Val Padana. Il motto del tour "We Feed Ourselves" si riferisce per un verso al fatto che ci cibiamo attivamente e con diletto di quello che troviamo o che ci viene offerto per strada, e per un altro per chiosare in chiave di libertà alimentare l'espressione programmatica "We Feed the Planet" che spesso si è sentita ultimamente echeggiare da una contrada nel nord della Lombardia.

DOVE? Poichè la destinazione del tour è Genova, mio luogo di nascita e che è gia stato nel 2007 destinazione del primo mirabolante rickshaw-tour, e il luogo da cui partiamo è un'amena valle racchiusa nell'appennino tosco-emiliano, la via più agevole sembra essere quella che passando da Parma, oltre il Po a Cremona, e poi sempre a occidente attraverso Piacenza, Oltrepo Pavese e Tortona conduce su su lungo la valle dello Scrivia fino al passo dei Giovi, da cui si raggiunge Genova a stridor di pastiglie dei freni (sempre che non si siano gia consumate scendendo dagli Appennini fino a Parma).

QUANDO? La data di partenza prevista è il 23 maggio, la data di arrivo grosso modo il 30 maggio 2015.

COME? Come negli altri tour, non solo trasporterò pedalando tappa dopo tappa me e alcune decine di chili di femminilità con relativo bagaglio, ma nei limiti delle mie possibilità fisiche sono anche disponibile a trasportare per piccoli giri gli abitanti delle città dove ci troveremo a sostare. Durante le tappe invece, che si snodano principalmente su strade statali e provinciali, la passeggera d'onore trascorrerà il tempo godendosi il viaggio, il paesaggio e le persone, ma soprattutto catturando con matita e acquerelli questa particolare dimensione esperienziale che è il viaggio in risciò.

PERCHÈ? Il motore primo era e continua ad essere la curiosità. Di vedere, di incontrare, di parlare, di ascoltare, di scoprire. Mi direte: "ma va là, la pianura padana non è mica la foresta del Borneo!". Rispondo:"Prova ad attraversarla in risciò, e vedrai che l'Esotico è ovunque dove hai la volontà di incontrarlo". Ma questa volta ci urge anche comunicare qualcosa in piu del solito: che abbiamo ufficializzato la nostra unione personale ed affettiva, e che anche questa come ogni occasione è buona per raccogliere fondi (in inglese "fundraising") per finanziare i nostri progetti familiari del prossimo futuro.

Seguici su

-------------------------------

-----

Se vuoi sapere di più su Felicità a Basso Consumo leggi qua di seguito (post di archivio)

---------



Il mio 4° viaggio in risciò si è concluso come da programma il 10 aprile 2011 a Bologna . Ero ripartito il 22 Marzo da San Giovanni Rotondo, rinomato luogo di pellegrinaggio a cui le gambe mi avevano condotto nel corso del precedente viaggio in risciò. Pedalando verso nord-ovest lungo la costa adriatica fin oltre l'antico territorio dei Galli Senoni, lungo l'antica VIA AEMILIA il risciò-taxi ha attraversato dunque ancora la Romagna verso ovest, raggiungendo l'antico capoluogo dei Celti Boi.

Ho viaggiato anche stavolta sul medesimo veicolo mosso da energia umana, chiamato Risciò o Rickshaw o Rikscha, ad una velocità (pardon: lentezza) tale da vivere il paesaggio e la vita attorno in tutt'altra maniera sia di un viaggio a motore, sia anche di un viaggio con una normale bicicletta.
Questa dimensione è invece piuttosto simile al viaggio a piedi, o al viaggio a dorso d'asino o cavallo. A differenza di questi ultimi, però, anch'essi basati sull'utilizzo per lo spostamento di sola energia metabolica, l'utilizzo del risciò da una parte preclude le mulattiere e strade sterrate tradizionalmente percorse dagli animali e dai viaggiatori a piedi, mentre d'altro canto permette di percorrere quelle stesse strade extraurbane che di solito vedono come utente unico il veicolo motorizzato.

Mi sono posto Bologna come prossima meta per diversi motivi.
Uno di questi che da solo già basta è sostenere ivi con il mio veicolo un'iniziativa entusiasmante chiamata BI-BO. Trattasi di un'associazione costituitasi nella metropoli romagnola, i cui sportivi soci e sostenitori trasportano i passanti per le strade del centro a bordo di risciò-taxi senza pretendere un costo che non sia un'offerta spontanea.
Le offerte elargite dai soddisfatti utenti bolognesi servono all'acquisto di ulteriori veicoli. Per il momento infatti BiBo dispone di un solo Velotaxi autofinanziato a pedalata assistita. L'obiettivo delle scarrozzate a offerta libera è di sensibilizzare sia la cittadinanza sui vantaggi umani e logistici del trasporto non motorizzato nel centro cittadino, sia le istituzioni cittadine verso l'ammodernamento del sistema dei trasporti nel centro bolognese.

A questo obiettivo concreto e più prettamente sociale si aggiunta una mia personale curiosità per i territori adriatici fra il Gargano e la Pianura Padana, che ho attraversato lentamente per la prima volta.
Anche questa volta sto redigendo un resoconto dettagliato del viaggio da poco concluso, corredato da immagini ed informazioni di prima mano.
Per ora basti la tabella di marcia.

Lungo l'itinerario ho continuato ad invitare i passanti e gli avventori a salire sul risciò e farsi portare gratuitamente per un'esperienza di prova, e ho annotato i luoghi lungo il percorso dove un servizio pubblico di risciò-taxi è orograficamente possibile.


È un'azione ecologista? Certamente, se ECOLOGIA significa "conoscenza del proprio ambiente" (Da "Oíkos" = "casa" e Lógos = "conoscenza")

E quindi invito a conoscere meglio il proprio ambiente, osservandolo ed interagendo con esso in diretta persona, e mi auguro che tutti quelli che viaggiano lentamente nel proprio ambiente abbiano in virtù della lentezza la possibilità di conoscerlo più intimamente, senza avere bisogno necessariamente di ascoltare o leggere quello che ci viene raccontato, magari da un centro di ricerca oltreoceano.

La conoscenza migliore che possiamo avere, ed insostituibile, è quella che ricaviamo noi stessi ogni giorno dal colloquio con il nostro mondo tangibile. Quello che conosciamo attraverso internet (compreso quello che stai leggendo in questo momento), o attraverso un altro medium ha un valore di verità minore, e può essere un importante spunto di riflessione, ma... non dimentichiamo di leggere primariamente da quel grande libro che è la natura: qui troviamo le vere risposte.

Il motto che feci mio anni addietro continuo a volermelo portare appresso lungo la strada :

FELICITA A BASSO CONSUMO !


Dati tecnici del veicolo

Dati fisiologici

"Che ci azzecca la pasta con i kilometri?"

"Belìn, ma quante palanghe ti t'è custòu 'sto viaggio?"

FAQ!

Sconsigli per gli acquisti

Ciclofficine valide d'italia

Download

Scarica gratuitamente il libro "ELOGIO DELLA BICICLETTA" di Ivan Illich


I MEDIA

Mi hanno incontrato per strada:

Radio Popolare (intervista audiofile)

risciò a FaenzaCorriere di Bologna

risciò a RiccioneRomagnaNOI

risciò a Termoli Termoli online

risciò a Bari ANTENNA SUD

risciò ad Altamura Altamura-life

cronaca vera a milano Cronaca Vera

Corriere Vicentino Corriere vicentino

la Voce di Rovigo La Voce di Rovigo

Il Giornale del Niguarda Il giornale di Niguarda

Amici della felicità a basso consumo Alberto Palomba - Antonio fiorista - Alessandro Lonardo - Andrej Heinke,doc.phil.- Andres Fonseca - Antonello Bulgini - Anna Maria Colonna - Antonino Zurzolo - Antonio Scionti - Antonio Marraffa - Antonio 'u Maligno - Bali Yogindera - Alfonso Di Stefano - Carmela Sacco - Ass. Citta Futura Riace - Ciccio Rao - Constanze Pabst v. Ohain - Dario Patrone - Diana Leusenrink - Diego Mattarocci - Domagkateliers - Domenico Camardella - Domenico Lucano - Epicuro - Farhad Azarnejad - Francesco Marvaso - Francesca Rao - Francesco Sperandio - Frank Gnifke - Galerie Pennarz - Giovanni Lanza - Giovanni Morabito - Girolama Rao - Graziella Gemignani Menozzi - Hotel Puccini - Ivan Illich - Irene Micheloni - Jakob Socher - Leonardo Dedicato - Lorenzo Alberghini - Luca Chiarabini - Marco Missiroli - Marcus Brenner - Mark Schmitt - Martin Holzner - Pierfrancesco Spada - Marco Bovina - Mimmo D'agostino - Mimmo Insana - Maurizio Pallante - Nino Galluccio - Oleg Negmatov - Ottoohm - pizzeriacalcutta - Pedicabfirenze - Prem Rawat - Primavera Urbana - René Landspersky - Rikscha-Mobil - Roberto Corapi - Rocco Marvaso - San Pio da Pietrelcina - Sophia De Luca - Euromarmi Politi...e molti altri

Per informazioni contattare rocco.marvaso@pizzeria-calcutta.com
Copyright © 2013 Rocco Marvaso.