- 2░viaggio: da Genova a Roma - prosieguo del 2░viaggio: da Roma a Cittanova- 3░viaggio: da Cittanova a S.Giovanni Rotondo-
prologo 1░giorno 2░giorno 3░giorno 4░giorno 5░giorno 6░giorno 7░giorno 8░giorno 9░giorno 10░giorno 11░giorno 12░giorno
13░giorno 14░giorno 15░giorno 16░giorno 17░giorno 18░giorno 19░giorno 20░giorno 21░giorno 22░giorno 23░giorno epilogo

Il risci˛: L'unica utilitaria davvero ecosostenibile: fa mediamente 100 km con un kg di pasta e ci vai praticamente ovunque. E la tua? in risci˛ da Monaco di Baviera a Genova
home


Epilogo



Come and˛ che mi acquartierai a Genova e principiai a riscontrare sulle mie tre ruote chŔ se il camallo Ŕ una figura tipicamente genovese un motivo pur ci sarÓ..



I l viaggio da Monaco a Genova dopo oltre 1000 km per strada era concluso. Cosa ho fatto successivamente? Niente di particolare: come mi ero riproposto ancor prima di partire ho voluto perlustrare diverse strade della cittÓ per farmi un'idea pi¨ realistica delle zone della cittÓ percorribili in Rikscia, e di quelle che invece gli sono precluse.

Devo dire che in quella domenica e nei giorni successivi con un bel po`di fatica sono arrivato in risci˛ praticamente dappertutto, addirittura su lungo via Caffaro fino a spianata Castelletto, e su per via Fieschi fino a Carignano. Ma non sarei mai riuscito, e presumo che nessun uomo riuscirebbe mai, a trasportare anche dei passeggeri con sŔ a quelle pendenze. Non solo veicoli a trazione umana, ma anche veicoli a motore fanno fatica per quelle strade, e ho trovato davvero singolare che via Caffaro Ŕ una via a senso unico A SALIRE!

Lo stesso che a genova centro si pu˛ riscontrare anche nelle sue periferie. Se in casi rari ed eccezionali Ŕ possibile affrontare certe pendenze alle pendici delle colline genovesi in risci˛, non Ŕ accettabile pensare di percorrere abitualmente quelle strade con un traino di almeno 100 g su tre ruote.

Ma quello che invece Ŕ ottima da percorrere Ŕ la via Aurelia, che percorre la cittÓ praticamente senza salite rilevanti dall'estremo Ponente fino al centro storico, prosegue oltre sul lungomare fino a Boccadasse. Dalla chiesetta di Boccadasse verso levante la strada va a salire, e pedalare con dei passeggeri adulti a bordo diventa un'ardua impresa.

Anche la strada che collega la stazione Principe con la stazione Brignole non rappresenta un grande ostacolo per un risci˛. Si va a salire gradualmente fino a piazza Corvetto, e poi si va in discesa fino a Brignole. Tutta la vasta area del basso Bisagno, piazza della Vittoria, Corso Buenos Aires, Brigate Partigiane Ú in piano. Per arrivarci da Caricamento corso Aurelio Saffi potrebbe essere pi¨ veloce per alcuni, per altri sarebbe invece pi¨ prudente prendere via San Lorenzo fino a De Ferrari, e percorrere via XX Settembre che Ú in leggera discesa verso piazza della Vittoria.

Molti vicoli sono meno ripidi di quanto si pensi: via Pre-Via de l Campo,via san Luca-piazza Banchi, ed oltre via San Lorenzo via Canneto il lungo sono pressochŔ piane.

Nelle settimane successive al mio arrivo mi sono spostato spesso privatamente con una bicicletta a due ruote, che al contrario di un risci˛ pu˛ arrivare davvero dappertutto a Genova. Ho riservato l'uso del risci˛ ad occasioni in cui era necessario trasportare pi¨ persone, o fare trasporti o acquisti voluminosi.

Spesso mi sono divertito a mostrare alle persone pi¨ diverse come si guida un risci˛, ed ho dovuto a volte constatare che a Genova ci sono persone anche giovani che sul sellino di una bicicletta non ci hanno neanche mai poggiato il sedere. Anche i pi¨ giovani trovano ridicolo dover spostarsi pedalando, e questa triste constatazione ha prodotto in me un certo rimpianto della Germania, delle persone che ovunque sfrecciano sulle loro biciclette ad ogni ora del giorno e della notte. Ho riflettuto su alcune idee per rendere Genova non tanto fisicamente (lo Ŕ in gran parte giÓ)quanto culturalmente ciclabile.

Un contesto particolare in cui sono stato invitato a prendere parte e che ho condiviso appieno Ú stato in occasione dell'occupazione permanente di Villa Rosa di Genova Pegli dove ha sede la scuola elementare: In una cittÓ in cui giÓ adesso il numero di automobili di residenti Ŕ maggiore di quello fisicamente possibile, l'edilizia sembrerebbe costretta a sventrare suoli collinari con acrobazie ingegneristiche, per permettere a pochi residenti di parcheggiare auto private sempre pi¨ ingombranti al riparo dai pericoli della strada. Autorimesse da costruirsi sotto la Villa Rosa. Ma Ŕ davvero necessario? Voglio dire, a parte a coloro che lavorerebbero a questo cantiere?

VIDEO - la protesta di Villa Rosa

Una cosa che avrei inoltre voluto volentieri fare a Genova e dintorni, ma che fra una cosa e l'atra non Ú stata per il momento possibile, fu di utilizzare la cabina passeggeri del risci˛ come palcoscenico per uno spettacolo di marionette semovente. Ma chissÓ che non capiti molto presto di nuovo l'occasione, eh Gabriele?! (Gelatti, - : artista-burattinaio genovese)...

Per continuare a leggere cosa ne Ú stato di me e del risci˛ nel novembre successivo puoi cliccare qui


- 2░viaggio: da Genova a Roma - prosieguo del 2░viaggio: da Roma a Cittanova- 3░viaggio: da Cittanova a S.Giovanni Rotondo-
prologo 1░giorno 2░giorno 3░giorno 4░giorno 5░giorno 6░giorno 7░giorno 8░giorno 9░giorno 10░giorno 11░giorno 12░giorno
13░giorno 14░giorno 15░giorno 16░giorno 17░giorno 18░giorno 19░giorno 20░giorno 21░giorno 22░giorno 23░giorno epilogo

home Per informazioni contattare rocco.marvaso@pizzeria-calcutta.com
Copyright ę 2008 Rocco Marvaso.